Unica Sport, il nuovo ente per la promozione di attività sportiva e didattica

Unica Sport, il nuovo ente per la promozione di attività sportiva e didattica

Nasce “Unica Sport Ssd” un nuovo ente che punta a promuovere e diffondere l’attività dilettantistica e didattica. Di Sitointerattivo il compito di trovare e sviluppare il logo perfetto, che al meglio definisca questa neonata società sportiva, senza scopo di lucro.

La società, sorta nella sede Unica Point a Sotto il Monte, punta ad avvicinare i giovani ad attività sportiva di qualunque genere. Unica Sport offre infatti preparazione in: calcio, nuoto, pallavolo, basket, beach volley, atletica leggera, ciclismo, podismo, karate, arti marziali, ginnastica, racquet ball e padel.

Come ogni altra società sportiva, aderirà al Centro Sportivo Italiano e anche alle federazioni sportive nazionali. Potrà poi organizzare qualsiasi tipo di attività, evento, torneo, manifestazione o gara che promuova la pratica, la conoscenza e la diffusione di sport dilettantistici. Questa promettente realtà verrà amministrata unicamente dal ragionier Mario Morotti e opererà in supporto alla società pubblica H Servizi partecipata dal Provincia e dai Comuni dell’Isola Bergamasca e Valle San Martino.

I tuoi post sono d’impatto?

I tuoi post sono d’impatto? Abbiamo parlato di quanto sia importante condividere contenuti di qualità ma spesso si bypassa la qualità per la quantità o per “essere i più veloci”.
L’esigenza è quella infatti di dare alla community una percezione ben precisa della nostra vita. Nessuno è al 100% ogni giorno, felice, soddisfatto e entusiasta. Su Instagram però sembra che chiunque (tranne noi) stia vivendo la giornata perfetta all’interno di una vita sempre splendente ed energica.
Beh è ovvio che non sia così, è impossibile! Ma pur consapevoli di questo nella nostra mente si annida il pensiero: “Perché la mia vita non è così?”, “Come mai non è tutto così felice e stimolante per me?”

Perché abbiamo il desiderio inconscio di vivere come gli altri dimenticandoci però che quello che vediamo non è reale.
I social, purtroppo o per fortuna sono un mondo a parte. Infatti, molto raramente sono allineati alla realtà o al massimo mostrano solo piccole porzioni e non la parte integrante della quotidianità.
Il web è un mondo completo e complesso ma potrebbe essere luogo dove riflettere e confrontarsi sulle proprie esperienze di vita, traendone anche vantaggio. Portando sulle piattaforme ciò che davvero accade ad ogni utente, se ne potrebbe ricavare qualcosa di utile, per noi e per gli altri.
Come fare però? I social non devono diventare un confessionale deprimente e poco divertente. Sarebbe sufficiente costruire i contenuti così che siano di un certo impatto, riuscendo così a ricavare del buono dal digital oltre che visibilità e fama.
Cosa succederebbe quindi se i contenuti condivisi avessero lo scopo di informare e formare e non solamente quello di impressionare sconosciuti?

Greenwashing, è tutto così #green?

Di fronte a due prodotti identici, dove il primo è composto da materiali riciclati e il secondo no, quale sceglieresti?
Sembra ovvia la risposta?
In realtà è solo da pochi anni che al nostro pianeta viene dato il rispetto che, verosimilmente, ha sempre meritato. Per quanto questa pratica sia fondamentale per la salvaguardia dell’ecosistema in cui viviamo, spesso questo concetto viene portato all’eccesso, passando come una tecnica persuasiva.
Hai mai notato come nel giro di qualche anno tutto è diventato riciclato e sostenibile?
Ma è sempre tutto così #green come dicono?

Oggi parliamo di Greenwashing, quando l’ecologia diventa una farsa mediatica.
Che cos’è il Greenwashing? Sono tecniche di marketing che proclamano di sostenere l’ambiente e l’ideologia green. Il problema sta nel fatto che raramente le imprese applicano questa mentalità. Si tratta di una concezione green “di facciata”, per così dire.

Molti brand lo fanno! Per dare un’immagine genuina e attenta all’ambiente le aziende si spacciano per paladini del pianeta, lo fanno per aumentare la propria brand reputation ma nascondono spesso i danni che loro stessi causano alla terra. Filiera #sostenibile ma con materiali di scarsa qualità, così la produzione e il conseguente inquinamento raddoppia. Oppure ancora, aziende che utilizzano energia rinnovabile ma poi scaricano rifiuti tossici nei corsi d’acqua.

Nel marketing questa pratica si vede spesso, a volte vengono anche usati hashtag motivazionali come #green #sostenibile #eco, utilizzando una grafica fuorviante con paesaggi naturali o il tipico colore verde, ma il motivo per cui quel brand è davvero ecologico non viene spiegato.
Un esempio concreto? Moltissimi brand produttori d’acqua si definiscono attenti alla sostenibilità ma commercializzano il proprio prodotto ancora in bottiglie di plastica non riciclata.
Conosci qualche brand che utilizza il greenwashing?

Scopri di più sulle tecniche di marketing più utilizzate: https://www.sitointerattivo.it/

Apple, pro o contro?

Se pensi ad un cellulare, che cosa ti viene in mente? Probabilmente un IPhone. Apple, il grande brand produttore di pc e telefonia è il più conosciuto al mondo e tecnicamente anche quello che vale di più.

Infatti, l’azienda creata da Steve Jobs ha una valutazione di ben 263,4 miliardi di dollari. Si posiziona al primo posto tra i brand più remunerativi.
Apple o si ama o si odia, non esiste via di mezzo. L’opinione pubblica si divide in due: fan adoranti, clienti assidui di Apple Store che non mancano mai di puntualizzare quanto siano migliori i dispositivi con la mela; oppure hater accaniti che trovano ogni genere di difetto nella mentalità dei consumatori e nei prodotti Apple.
Inizialmente Apple conquistò tutti perché fu il primo brand in grado di lanciare un cellulare senza tastiera.

Ha creato una netta separazione tra il prima e il dopo, IPhone. Con il passare degli anni numerosi marchi di telefonia sono arrivati a pari livello ma l’antica distinzione rimane ancor oggi, Apple è percepito come un prodotto di nicchia, riservato a pochi. Molto differente ad esempio da Samsung, nonostante le funzionalità e, ormai, anche i prezzi siano pressoché identici.
Questo principalmente accade perché la brand reputation di Apple è ormai affermata, si tratta di un brand elegante, dalle linee pulite e minimali, moderno e soprattutto semplice. Chi acquista Apple vuole sentirsi così, minimale elegante e smart.
Ciò che è particolare è il fatto che i clienti fidelizzati difendono anche “a spada tratta” i valori del brand, soprattutto sui social, dove spesso si scatenano dibattiti pro o contro.

E tu, sei pro o contro Apple?

Visibilità mediatica: Il caso Squid Game

I video più semplici e divertenti sul web hanno enorme successo, sai perché?
La semplicità paga sempre. I social network hanno enfatizzato questa pratica, mostrando la normalità di ogni giorno. La visibilità mediatica ne ha guadagnato molto sotto questo punto di vista. Un buon esempio? Il fenomeno Squid Game. La serie tv che ha spopolato nelle ultime settimane sulla famosa piattaforma di streaming, ha sorpreso tutti. Netflix infatti ha presentato questa serie tv coreana come uno di tanti altri contenuti ma qualcosa l’ha resa diversa dalle altre, portandola ad essere virale. Forse la trama, i personaggi singolari ma del tutto ordinari oppure l’elemento violento accostato ai vari giochi per bambini.

Un mistero. Ciò che è sicuro è il fatto che i social non parlano d’altro, Tik Tok, Instagram e Twitter sono invasi da contenuti riguardanti Squid Game e questo ha aiutato molto la popolarità della serie tv.
Le previsioni anticipano che probabilmente nei primi 28 giorni dopo l’uscita oltre 80 milioni di abbonati di tutto il mondo guarderanno Squid Game, superando di gran lunga anche la sere tv spagnola “La casa di carta”.

Però è ancora presto per tirare le conclusioni, ciò che è certo è il fatto che questa serie tv thriller-splatter ha guadagnato visibilità mediatica tale da essere primo nei trend di ricerca e che le campagne marketing promosse in corea sono state contestate soltanto perché hanno portato troppa gente nel centro delle città, causando vari assembramenti.

Per altre curiosità sui social network e sulle novità sul web, non perderti i prossimi articoli di sitointerattivo!

Instagram per la tua attività?

Instagram è uno dei social network più utilizzati per la pubblicizzazione di brand e prodotti. L’utilizzo medio da parte degli utenti di questa piattaforma è simile a quello di Facebook: ricerca di personaggi noti o di persone.

Instagram, valorizzando le immagini, è un social network d’impatto seppur molto semplice. Nella facilità d’utilizzo spesso però si nasconde il successo ed è proprio utilizzandolo in maniera più precisa e avanzata che può essere profittevole per le aziende.
Con i giusti metodi ogni azienda potrebbe trarre beneficio da questo strumento. Infatti il pubblico potenziale di Instagram è vastissimo, già nel 2019 ha superato di gran lunga il MILIARDO di utenti iscritti.

Parecchi potrebbero pensare che la propria azienda non si sposi perfettamente con il target medio di Instagram, ma sbaglierebbero. La potenzialità di Instagram è enorme e così anche il pubblico che, seppur inizialmente non interessato alla tua azienda, potrebbe avere un genitore, un amico, uno zio, un conoscente che ha proprio bisogno di te.

Comincia a sfruttare Instagram per la tua attività, che sia piccola o grande!
Scopri tutti gli strumenti e i consigli che potrebbero aiutarti! Sitointerattivo fa al caso tuo!

Neuro Marketing – Te ne sei mai accorto?

Ordinando cibo da asporto, sceglieresti una box promozionale di 4 portate da 25,00€ o prenderesti cibo alla carta?
Probabilmente il più di voi sceglierebbe la box promozionale credendo di avere convenienza… di aver “fatto un affare”. Ma questa è una delle tante pratiche che prende in considerazione il NEURO-MARKETING. Le politiche di prezzo vengono infatti decise su quella che è la percezione del cliente e se lo stesso crede di avere sconti o agevolazioni, la vendita diventa più semplice.

Come accade nei vari ristoranti di sushi, molti scelgono la formula “All you can eat”, credendo di risparmiare. Ma la verità è che questa pratica è stata inventata per un buon motivo.

Infatti funziona! Sapere quanto spenderai prima di cenare ti rassicura e convince a pagare la cifra senza ragionarci troppo, essere consapevoli del conto finale ti tranquillizza. Non importa se probabilmente ordinando alla carta avresti preso e speso meno.

Spesso nelle politiche di pricing si parla anche di “prodotto esca”. Ossia un prodotto commercializzato unicamente per far sì che si acquisti un prodotto in maggiore quantità o dal diverso formato. Come? Ecco un esempio!

Acquisteresti 10 penne a 3,99€, 20 penne a 6,99€ o 25 penne a 7,99€?
Vedendo la poca differenza di prezzo tra le 20 e le 25 penne, il tuo inconscio ti spinge ad acquistare il formato più grande, pensando anche di aver risparmiato, dimenticando però che tu avevi bisogno di 1 massimo 2 penne e che se le avessi comprate singolarmente avresti risparmiato.

Stress da tecnologia – Il problema del Multitasking

L’era digitale, cominciata ormai anni fa, ha permesso a chiunque di rimanere interconnessi e collegati a tutto. Da qui nasce il multitasking e la capacità di svolgere più attività contemporaneamente grazie a un qualunque dispositivo. Una vera rivoluzione.
Sfortunatamente lo stress collegato a questo nuovo dinamismo è cresciuto di conseguenza e gli utenti, abituati a rimanere sempre connessi, si trovano in difficoltà al momento di staccarsi dai device.

Ormai la maggior parte delle persone utilizza il web per lavoro ma anche nei rari momenti di pausa, si viene bombardati da notifiche, messaggi e aggiornamenti social.
Essere interconnessi pur essendo utilissimo e per alcuni indispensabile, costituisce un grande fattore di distrazione, non permette di essere completamente produttivi e interferisce con il completamento delle attività quotidiane, senza dimenticare che aumentano la tensione e l’ansia generalizzata.
Rallentare i ritmi di “vita digitale” è possibile però, adottando alcuni accorgimenti si può evitare di ritrovarsi in mezzo a una sorta di caos tecnologico.

Innanzi tutto:
1. Mantieni un desktop ordinato e una schermata home pulita. Evita molte cartelle e applicazioni sparse in giro, mantieni solo le più utilizzate.
2. Cancella iscrizioni a newsletter invasive e elimina account di posta elettronica poco utilizzati. Buona parte delle notifiche provengono da qui.
3. Allontana fisicamente i dispositivi che potrebbero distrarti. Non averli a portata di mano di spingerà ad utilizzarli meno.
4. Spegni i dispositivi almeno mezz’ora prima di dormire. Questo oltre ad aiutare il sonno, ti permetterà di essere più concentrato nell’utilizzare i device il giorno seguente.
5. Per i più bravi: imposta delle limitazioni sul cellulare. Limita il tempo di utilizzo delle applicazioni che potrebbero distrarti al lavoro o durante la giornata. Il tuo cellulare ti permetterà di accedere solamente nell’orario indicato, scegli una breve fascia oraria serale.

Parole confuse

Non ti è mai successo di giudicare una persona in base alla sua frase introduttiva?

Buonasera, buon pomeriggio o buona notte ad esempio.
Confondersi sull’utilizzo di alcune parole è normale, spesso è dovuto al fatto che in italiano molte locuzioni assumono svariati significati anche con scritture solo leggermente diverse (ad esempio avendo parole attaccate o staccate).
Spesso confondiamo le parole, ma ci sono delle netiquette che vanno utilizzate e mantenute nella lingua italiana scritta per comunicare in un modo corretto e coerente.

Esempio tipico sono i saluti, ad esempio buongiorno (e non buon giorno), buonasera (ma va bene anche buona sera) oppure buon pomeriggio (che va sempre staccato).

Vuoi saperne di più su come l’attenzione alle piccole parole può cambiare il modo in cui le persone comunicano con te?
Continua a seguire le nostre rubriche!

Streaming e alimentare: come ingolosire i clienti?

Oramai è all’ordine del giorno l’utilizzo dei digital media per eventi pubblicitari e di marketing, e le dirette streaming sono diventate un ottimo modo per veicolare il proprio messaggio.
Anche il settore alimentare ha colto la palla al balzo, e utilizza questa tecnologia per trasmettere i propri messaggi.
Dalla condivisione con gli stakeholder all’iniziativa pubblicitaria, l’uso di questa tecnica fa apparire al cliente la vicinanza delle aziende e dei prodotti.
E questo permette maggiore fama per il brand e per il prodotto.
Sai che noi siamo partner di aziende del settore per quanto riguarda le dirette?
Vuoi sapere come possiamo aiutare il tuo business con la nostra comunicazione?
Clicca qui

Subliminale e marketing, dai Simpson a Marlboro

Un messaggio subliminale è una tecnica che permette di trasmettere dei messaggi senza che gli stessi vengano compresi dalla mente conscia, ma arrivino direttamente nell’inconscio.

Si può sviluppare in diversi modi, ad esempio utilizzando parole o modificando alcune scene, allungando o diminuendo gli spazi, in modo che queste varino il significato generale, consentendo di portare al cliente un messaggio senza che l’utente lo percepisca.

Ed è questa la grossa potenzialità di questo sistema, assicurarsi un messaggio di un certo tipo può fare la differenza.
Esempio iconico di questa idea è un episodio della fortunata serie americana “I Simpson”, dove viene ribadito il messaggio ‘Yvan eht nioj’, che non è altro che ‘Join the Navy’, ossia un modo per reclutare nuove persone per la marina (come si scoprirà alla fine dell’episodio).

Altro esempio, forse meno noto, è l’esempio di Marlboro, storico sponsor della Formula 1, che, visti i limiti imposti dall’Europa alla pubblicità, ha scelto di inserire prima un frammento del proprio logo e poi un codice a barre (riportato sullo spoiler) che rimandava al logo dell’azienda dei tabacchi.

Per evitare ulteriori restrizioni (e a causa del riconoscimento come pubblicità subliminale) la casa di Maranello si è trovata costretta a rimuovere parte del barcode, per poi aggiungere il proprio logo (anche se il rimando a Marlboro è ancora chiaro).

Ma se questi messaggi sono così presenti, come possiamo sfruttarli e trovarli nella vita di tutti i giorni?
Ne parleremo nei nostri prossimi articoli.

Perché le aziende di automotive stanno cambiando i propri loghi?

La prima impressione non è tutto ma è indispensabile per fare bella figura.

Il brand ti permette di distinguerti e far sì che il pubblico ti riconosca.
É essenziale che la propria immagine sia curata e attenta, coerente con la tipologia di prodotto o servizio e adatto al periodo storico e alle tendenze.
Uno dei settori più attenti a questo cambiamento è quello automobilistico, dove la tecnologia sta evolvendo a un ritmo frenetico e per questo si è reso necessario apparire il più possibile chiari, trasparenti, attenti all’ambiente e… “elettrici”.

L’intera categoria sta tentando di cambiare la propria identità grafica, a partire da Peugeot, cha ha sviluppato per la prima volta nella storia automobilistica un multi logo, adattabile sia al materiale informativo che all’applicazione sulle vetture in modo diverso a seconda della necessità.
Anche Volkswagen è passata a una rappresentazione più pulita, rimuovendo lo storico blu e accentuando il simbolo senza cromature.
Stessa scelta ha fatto Renault, seguendo il filone che vuole la rielaborazione dei loghi storici (tipici del mercato automobilistico francese) riprendendo il logo della mitica Renault 4 “all’avventura” e riproponendolo nella nuova (e elettrica) Renault 4.

Vuoi saperne di più di come su come possiamo aiutarti a rinnovare la tua identità?
Continua a seguire le nostre rubriche.