Cosa vogliamo tutti dal web? Cosa ci aspettiamo quando decidiamo di tuffarci nel mondo del digital marketing? Ma soprattutto, lo stiamo facendo nel modo corretto?

Quando ci imbattiamo in queste cose, probabilmente ci aspettiamo che il nostro sito internet possa comparire tra i primi risultati di ricerca di Google poche ore dopo la pubblicazione online.

È davvero così? Quello che sappiamo per certo è che non esiste un periodo di tempo garantito entro il quale il nostro sito sito web indicizzerà i nuovi contenuti e comparirà nei risultati di ricerca di Google.

I motori di ricerca, in primis Google, si prendono un periodo di “valutazione” del nuovo sito in rete per capire se è una risorsa attendibile o meno. Il Web Marketing, infatti, non è una scienza esatta, ma un lavoro fatto di analisi accurate, correzione degli errori e una continua ottimizzazione.

Questo periodo di “valutazione” generalmente ha una durata compresa tra 10 e 30 giorni, perché il motore di ricerca (ad esempio Google) deve capire l’attendibilità del sito, se questo ha contenuti validi ed originali, se non si tratta di un sito spam e, cosa ancor più importante, se i testi non sono copiati da altre fonti.

Dopodichè il Crawler di Google che è un software automatico, esegue la scansione delle pagine web e passa in rassegna il web periodicamente, indicizzando le nuove pagine web.

Una volta che il sito è “piaciuto” al motore, questo verrà visitato tutti i giorni dal bot giornaliero detto “Spider” che aggiungerà di volta in volta i nuovi contenuti, come ad esempio accade con le testate online dei quotidiani. Questo significa che Google inserirà il sito nei suoi indici (da cui indicizzazione) di ricerca in determinate posizioni a seconda delle parole chiave digitate.

La costruzione di una reputazione online richiede tempo per raggiungere una posizione solida ed autorevole agli occhi di Google e degli utenti.